Nel Parco Baden-Powell del Capoluogo celebrata 

“La Giornata della Dante 2021”

a cura dell’I.C. “Domenico Savio”

Si è celebrata sabato 5 giugno, alle ore 17, nella splendida cornice del Parco Baden Powell, la “Giornata della Dante 2021”, evento di elevatissima valenza culturale che ha visto impegnate le classi Seconde Secondaria nonché le Quinte Primaria sezioni D,E,H dell’I.C. “D.Savio”.

Sette secoli fa Dante Alighieri, grandioso autore della “Divina Commedia”, moriva a Ravenna. Settecento anni, eppure il tempo non ne ha minimamente scalfito la memoria. La sua figura continua a rimanere straordinariamente attuale perché poliedrica e multiforme, con un prestigioso “curriculum” da combattente, politico e “Sommo Poeta”.

Di gran prestigio gli ospiti: il Prefetto Dott. Annunziato Vardè, il Sindaco Mario Guarente, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Avv. Alessandra Sagarese, il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Dott. Vincenzo Giuliano, la Presidente de “La Dante”- Comitato di Potenza Prof.ssa Maria Raffaella Pennacchia Vertone, tutti calorosamente accolti dalla Dirigente Prof.ssa Diana Camardo, dai docenti, alunni, famiglie.

Unanime il forte messaggio da ciascuno di essi esplicitato. Dante – Poeta di genio assoluto - è perennemente vivo, potente, contemporaneo. La sua “Commedia” non è di certo una risposta alle grandi domande dell’uomo, bensì una “chiave” che offre la possibilità di affrontare temi sempre attuali e “disperatamente” umani: l’amore, la fede, la politica, il peccato, la redenzione, il libero arbitrio. Dante, pertanto, risiede nella
nostra vita che sa spiritualmente attraversare e altamente realizzare.

L’evento, presentato dalla Maestra Eva Immediato, è stato essenzialmente incentrato sulla “LECTURA” di alcuni dei canti più conosciuti e famosi dell’Inferno – il primo ad opera della Preside - ampiamente studiati e approfonditi in classe. Un “excursus” impegnativo, esperienziale e interdisciplinare al contempo, avente una duplice finalità: educare alla letteratura, aprendo la strada ad un futuro apprezzamento dei classici che connotano la nostra identità culturale, nonché acquisire la consapevolezza che la conoscenza è “luogo” deputato a crescita e formazione. “Vivere” l’opera dantesca ha significato, dunque, per gli alunni intraprendere da protagonisti un viaggio straordinario in un mondo fantastico, immaginando situazioni, incontrando personaggi, provando sentimenti ed emozioni forti che hanno trovato spazio anche in numerose opere grafiche, sapientemente esposte nel Parco.

Ad impreziosire l’evento l’Orchestra di Istituto e la cantante Viviana Fatigante, insegnante dell’Infanzia, che hanno proposto brani di notevole impatto emotivo. 

Il pomeriggio si è concluso con la consegna della “solidarietà” - generosamente elargita da alunni, docenti, operatori tutti della scuola - alla Parrocchia di San Giovanni Bosco e alla Croce Rossa Italiana rispettivamente nelle persone del Sig. Lucio Curcio e del Sig. Michele Quagliano, Presidente Comitato di Potenza.

Vai alla galleria fotografica

 

 

 

 

 

 

INCONTRO CON IL GARANTE DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA

All’I.C. “Domenico Savio” di Potenza il Garante dell’Infanzia

e dell’Adolescenza dialoga di diritti e di rispetto delle regole.

 

 

 

Un “ponte” tra bambini e ragazzi e le istituzioni responsabili dell’attuazione dei loro diritti. Così il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Basilicata Dott. Vincenzo Giuliano ha definito il proprio ruolo istituzionale agli alunni della classe Terza A Secondaria dell’I.C. “D.Savio” che, unitamente alla Dirigente Prof.ssa Diana Camardo, alle Prof.sse Elisabetta Caliò e Vittoria Buscicchio, venerdì 21 maggio, ore 9:30, lo hanno calorosamente accolto nella Sala Pinacoteca di Istituto, quale illustre relatore nell’ambito del percorso di Educazione civica “Scuola… Laboratorio di LEGALITA’”.

Con determinazione, passione e cuore, catalizzando da subito l’attenzione dei presenti, il Garante ha messo a fuoco le finalità del suo delicato incarico: collaborare con istituzioni e associazioni per promuovere, diffondere, tutelare i diritti dei minori, dando voce e volto alle loro istanze nonché alle potenzialità e alle proposte che da essi arrivano; veicolare progetti ed iniziative con uno sguardo particolarmente attento ai contesti difficili e quindi più vulnerabili; monitorare le situazioni più difficili; prendere sempre in seria considerazione specifiche richieste di aiuto effettuando segnalazioni agli uffici competenti; soprattutto verificare in prima persona gli stati di effettiva necessità. Tutto quanto perché nessun minore debba mai sentirsi solo nè lasciato indietro.

“Bambini e ragazzi consapevoli dei propri diritti rappresentano un primo presidio di legalità”, la cultura della quale inizia dal rispetto dell’altro, delle regole e dei valori della convivenza civile e della cittadinanza attiva. Perché le regole rappresentano una necessità? Semplicemente perché esse assicurano a tutti i membri di una comunità il giusto spazio di libertà e dignità consentendo ad ognuno di interagire con gli altri in maniera proficua e costruttiva. Legalità – ha puntualizzato il Garante - significa guardare alla nostra meravigliosa Costituzione che, da sola, spiega i diritti fondamentali di tutti e di ciascuno; significa richiamare il valore della giustizia, imparare a pensare e a ragionare, scegliere e orientarsi in maniera consapevole, assumere una posizione autonoma e libera da condizionamenti, sviluppare il senso di cittadinanza, nonché un sano pensiero critico.

Agli adulti, dunque, il compito di offrire stabili modelli educativi che sappiano rendere bambini e ragazzi audaci protagonisti del loro presente, responsabili costruttori del proprio futuro, consapevoli dispensatori di progresso e benessere.

Vai alla galleria fotografica

 

 

 

 

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’: FULL IMMERSION CON LA POLIZIA DI STATO


Gli alunni dell’I.C. “Domenico Savio” di Potenza a lezione di “rispetto delle regole”

 

Lezione di “legalità” per gli alunni della classe Terza Secondaria sezione A dell’I.C. “D. Savio” del Capoluogo: in cattedra, nella Sala Pinacoteca, venerdì 7 maggio, alle ore 9:30, la Dott.ssa Francesca Leanza, Dirigente Ufficio Prevenzione e Soccorso pubblico, Dirigente Ufficio Personale e Portavoce del Questore, unitamente all’Ispettore Superiore Luciano Claps.

Ad accogliere, la Dirigente Prof.ssa Diana Camardo, le Prof.sse Elisabetta Caliò e Vittoria Buscicchio, impegnate nel “percorso” di Educazione civica “Scuola… Laboratorio di Legalità”.

Di spessore le tematiche affrontate, dal rispetto delle regole al corretto utilizzo della rete Internet, con l’accento posto su alcuni dei più importanti e quanto mai attuali articoli della Costituzione, il documento che per eccellenza rappresenta la base per la crescita dei futuri cittadini e per la costruzione di una società responsabile. “Se si rispettano le regole, non si è mai soli” ha ben detto l’Ispettore Claps. Esse fanno parte del percorso formativo di ogni individuo e sono indispensabili perché infondono fiducia e rassicurazione, consentendo di avere punti di riferimento precisi, finalizzati a favorire lo sviluppo di una coscienza civica e civile. Rispettare le leggi significa, pertanto, poter vivere in una società ordinata, efficiente, giusta, all’interno della quale ciascuno ha il dovere di operare in stretta relazione con gli altri, ai quali si deve, sempre e in ogni contesto, assoluto rispetto.

A seguire si è discusso delle “buone pratiche” di relazione con i dispositivi digitali da parte degli adolescenti. L’età media di accesso si è abbassata, aumentano le ore sulla piattaforma e lo smartphone diventa il “compagno” nelle lunghe ore di solitudine. Di conseguenza, una presenza così massiccia sui social porta ad interfacciarsi anche con fenomeni negativi. Il cyberbullismo purtroppo è una realtà e porta con sé sopraffazione, violenza psicologica oltre che violazione della privacy che può influire negativamente sulla personale reputazione, in virtù della diffusione – senza alcuna autorizzazione - di maldicenze o materiale video e fotografico privato. A tal proposito, la Dott.ssa Leanza ha letto alcune toccanti testimonianze di genitori che, nell’invocare aiuto alla Polizia, hanno manifestato la propria totale impotenza di fronte alle forme più esasperate di brutalità e tracotanza dirette ai propri figli.

Cosa fare e come reagire? E’ importante e necessario non demonizzare uno strumento fantastico come la rete, bensì conoscerlo a fondo per usarlo consapevolmente a partire da una comunicazione non “ostile”, consci delle conseguenze derivanti da eventuali infrazioni, compresi i profili di imputabilità penale che scatta sin dai quattordici anni.

La lezione – empatica e fortemente condivisa - si è conclusa con il dono a ciascuno degli allievi del libro “#CUORICONNESSI – Cyberbullismo, bullismo e storie di vita online. Tu da che parte stai?” a cura di Luca Pagliari.


Agli illustri ospiti, con i quali si auspica un proficuo prosieguo di collaborazione, un sentito sincero ringraziamento per la presenza preziosa ed incisiva che, di certo, rimarrà per ciascuno dei partecipanti tra le esperienze di vita più rilevanti e significative.

Vai alla galleria fotografica

 

 

INSIEME PER LA PREVENZIONE


All’I.C. “Domenico Savio” di Potenza un convegno on line sul “Papilloma virus” a cura del Lion Club Distretto 108Ya

 

Si è tenuto martedì 27 aprile, alle ore 10:00, nella Sala Pinacoteca dell’I.C. “Domenico Savio” di Potenza il convegno on line “Papilloma virus: quale possibile prevenzione, diagnosi precoce ed assistenza in tempi di pandemia da coronavirus?”, a cura del Lion Club Distretto 108Ya, rivolto alle classi Terze Medie degli Istituti Scolastici di Basilicata, Calabria, Campania. Destinatari specifici gli alunni della classe Terza sezione C, unitamente alle Prof.sse Maria Cristina Albano e Alessandra Berna; assistenza tecnica Maestro Rocco Galasso. L’iniziativa, rientrante nell’ambito del Service Oncologia Pediatrica scelto dal Distretto 108 Ya per l’anno Sociale 2020-2021, si è posto come ambizioso obiettivo diffondere le conoscenze sulla patologia HPV afferenti la diagnosi precoce e l’assistenza, la prevenzione con il vaccino in entrambi i sessi, il corretto approccio comunicativo della patologia.

Dopo l’introduzione del Dott. Antonio Lopizzo, Referente Distrettuale del Service – Potenza, e i saluti del Presidente L.C. Potenza Host Nicola Grande, del Presidente Distretto Leo 108Ya Alfonso Totaro, del II Vice Governatore Distretto 108 Ya Franco Scarpino, del I Vice Governatore Distretto 108Ya Francesco Accarino e dell’Imm. Past Governatore Distretto 108Ya Nicola Clausi, si sono susseguite tre interessanti e dettagliate relazioni. A dissertare di diagnosi precoce ed assistenza il Dott. Massimo Abate, Direttore Oncologia Pediatrica Ospedale dell’A.O.R.N. Santobono- Pausillipon Napoli, che ha evidenziato l’importanza dei programmi di screening quale strategia di base per l’individuazione precoce delle lesioni da Hpv. Si tratta di semplici test che durano pochi secondi e comportano minimi fastidi.

A parlare di prevenzione con il vaccino in entrambi i sessi il Dott. Giovanni Gerosolima, Dirigente Ginecologo dell’A.O.S.G. Moscati Avellino che ha esplicitato come la vaccinazione per tutti gli adolescenti (di sesso femminile e maschile), a partire dal dodicesimo anno di età, costituisca oggi la via più efficace e sicura per combattere il rischio di infezione. Infine, la Dott.ssa Titta Parisi, Psicoterapeuta specialista per l’infanzia e l’adolescenza Fondazione Genere Identità Napoli ha argomentato sul corollario di difficoltà psicologiche che l’HPV può sollevare a vari livelli. A seguire i numerosi interventi degli alunni che hanno rivelato il sentito interesse per la tematica affrontata. Le conclusioni sono state affidate al Prof. Antonio Marte, Direttore di Chirurgia Pediatrica Università L. Vanvitelli di Napoli e Governatore del Distretto 108Ya.

La Dirigente Prof.ssa Diana Camardo, i docenti e gli alunni, auspicando future ulteriori collaborazioni, sentitamente ringraziano il Lion Club per l’elevatissima qualità dell’evento che, mai come nella gravissima crisi socio-sanitaria in atto, ha messo in luce come la salute rappresenti senza ombra di dubbio il più grande bene civico della società.

Vai alla galleria fotografica

 

 

 

“Lectio magistralis” della Dirigente Prof.ssa Diana Camardo agli alunni della classe 3^ A Secondaria

 

E’ stata la Dirigente Prof.ssa Diana Camardo, appassionata studiosa di diritto, storia, letteratura, teatro, nonché della classicità, a dare il via, martedì 23 febbraio, alle ore 11:30, ad un “percorso” di Educazione civica intitolato “Scuola … Laboratorio di LEGALITA’, destinato alla classe 3^ A Secondaria, che prevede, oltre alle lezioni curriculari, una serie di incontri con “esperti”.

Referenti: Prof.sse Elisabetta Caliò e Vittoria Buscicchio.

Titolo della relazione: “La Costituzione della Repubblica Italiana: una lunga storia d’amore e devozione”.

 L’eloquio fluido e coinvolgente, l’alta professionalità, le comprovate competenze, unitamente ad una avvincente presentazione in powerpoint, hanno da subito affascinato ed emozionato gli alunni, catalizzandone vigile attenzione e vivo interesse.

Un documento meraviglioso, la Costituzione – ha esordito la relatrice - che non può non essere conosciuto da ogni cittadino perché fondamento dello Stato e della società in cui viviamo, intriso della lungimiranza e della saggezza dei nostri Padri costituenti.

 A seguire, l’analisi esaustiva e completa del documento, in vigore dal 1^ gennaio 1948, dopo diciotto mesi di duro lavoro da parte dei Padri della Patria. Dopo una sinossi storica, l’enunciazione della struttura del testo, quindi una riflessione sui principi di democrazia e di uguaglianza; sui diritti inviolabili della persona; sui rapporti etico-sociali, quali la tutela della famiglia, la cultura e la scuola, il diritto alla salute; sui rapporti economici, quali il lavoro e i diritti dei lavoratori; sul pluralismo territoriale, sulle minoranze linguistiche, sulla tutela dello straniero; sul ripudio della guerra; sulla bandiera Tricolore. Accanto ai diritti, i doveri inderogabili: al lavoro, di voto, di istruire ed educare i figli, di difesa della Patria, di concorrere alle spese pubbliche, di fedeltà alla Repubblica.

A conclusione, la Dirigente, a lungo applaudita, visibilmente compiaciuta e commossa, nel rimarcare l’attualità della Costituzione e il suo intatto valore etico, ha fatto dono a ciascuno degli studenti di un testo della stessa, con dedica personale.

Un grazie di cuore da alunni, famiglie nonché dalle Referenti!

 

Vai alla galleria fotografica

 

 

Video di presentazione della Scuola Secondaria

 

 

Contatti:   Prof.ssa Ragazzo Grazia tel. 340 7397762